L’importanza dello studio delle nicchie verticali per i piccoli brand

Studio SEO delle nicchie

Ben ritrovati a un nuovo approfondimento sulla SEO!

La qualità dei contenuti riveste indubbiamente un’importanza fondamentale nello sviluppo di un business apprezzabile, ma la “qualità” è un concetto che varia molto a seconda del genere di pubblico al quale ci si rivolge, della sua percezione e delle sue necessità.

Una guida su come installare WordPress, per quanto curata,  è scontata per un professionista già al dentro della materia, mentre un neofita la potrebbe trovare molto istruttiva: tutto dipende dal target che si è scelto di servire, e dalle esigenze che il proprio pubblico di riferimento presenta.
Ovviamente, più è ristretto il genere di pubblico al quale ci si rivolge e più è facile assurgere al ruolo di punto di riferimento informativo o di fornitore qualificato specializzato nelle esigenze degli utenti finali in questione.

Affrontare una concorrenza generalista e imporsi come player in un mercato molto vasto non è spesso la soluzione ideale quando si deve entrare a competere con attori più noti e con maggiori risorse alle spalle. I competitor preesistenti hanno alle spalle risorse economiche frutto delle quote di mercato già acquisite che consentono loro di investire in pubblicità, innovazione e in offerte economiche più convenienti che ostacolano l’emergere di altri soggetti commerciali.Studio SEO delle nicchie

Perché è importante scegliere le nicchie con accortezza?

Le nicchie costituiscono fasce di consumatori contraddistinti da esigenze comuni ma minimali rispetto alla maggioranza dei componenti della domanda di mercato. Tuttavia, proprio perché meno appetibili in fatto di minori volumi di traffico, sono molto interessanti per i piccoli brand che non hanno le risorse per competere con i concorrenti di grandi dimensioni ma che invece sono perfettamente in grado di calibrare la propria offerta sulle esigenze di un target specifico.

Chi si occupa di SEO ha la responsabilità morale e pratica di consigliare il proprio cliente sul mercato specifico al quale conviene rivolgersi online per non vanificare i propri investimenti e per poter realisticamente ottenere risultati efficaci.

Ad esempio, aprire un blog sulla cucina può essere un progetto destinato a non emergere di fronte alla concorrenza agguerrita, mentre un blog sulle ricette poco note con ingredienti naturali si rivolge alla nicchia di coloro che sono in cerca di qualcosa di utile ma di più ricercato.

Come scegliere una nicchia in ottica SEO

Il web offre milioni di opportunità sia a grandi aziende che a piccoli brand: tutto sta nel concentrarsi in quei settori dove sia realisticamente possibile emergere in base alle proprie disponibilità di mezzi e capacità e in funzione dell’offerta già presente. Maggiori sono le possibilità di guadagno, più numerosi saranno gli agenti concentrati in campo (turismo, finanza, estetica sono tra i settori più presidiati) e più difficile sarà portare a casa guadagni concreti.

Forse pensi che concentrarti su una nicchia specifica ti impedisca di raggiungere un’autorevolezza più ampia rispetto a quella che potresti ottenere puntando a un pubblico più generalista. 

All’atto pratico però, nell’oceano di concorrenti che puoi trovarti ad affrontare è difficile emergere in maniera preponderante, mentre in un contesto più ristretto puoi risultare più rilevante e perciò in proporzione più autorevole di quanto non saresti altrove.

Per esempio, nello sviluppo del mio brand online, ho puntato sulla nicchia del “seo copywriting” anziché su quella del blog marketing (sebbene i due concetti abbiano molti punti in comune) perché la seconda era interessata da innumerevoli player molto affermati, mentre la prima era relegata ad addetti al settore della SEO che non ne espandevano appieno le potenzialità divulgative verso il grande pubblico.

Con il passare del tempo il mio blog ilariogobbi.it è diventato un sito a tema che interessa gli addetti al settore e ne espande i contenuti orizzontalmente a molte sfaccettature in altri contesti interessanti (seo copywriting per blog, canale Youtube, offerte di lavoro su Linkedin…).

L’analisi delle ricerche di informazioni mediante i motori di ricerca ci aiuta a stabilire su quale ambito di mercato cercare di posizionarci.

Per scegliere una nicchia secondo un processo di analisi e sviluppo SEO occorre:

  • realizzare una keyword research approfondita sulle specifiche esigenze del sotto-mercato in questione
  • sviluppare contenuti appropriati per il pubblico specifico individuato
  • contribuire a rendere i propri contenuti facilmente rintracciabili nelle varie piattaforme frequentate dal pubblico di riferimento (forum del settore, blog di appassionati e brand evangelisti, gruppi social di interessati all’argomento, canali Telegram di influencer…)

La keyword research non deve rivolgersi pertanto alle chiavi di ricerca generiche che scontano una competizione troppo elevata, bensì a quelle settoriali che mirano ad argomenti molto più circoscritti, le cosiddette chiavi di ricerca di coda lunga.

I contenuti devono quindi appoggiarsi agli intenti di ricerca settoriali relativi ad ambiti ben definiti, che possono essere espressi da molte varianti di chiavi di ricerca diversi ma attinenti ad argomenti simili.

Chiavi di ricerca di coda lunga del tipo:

  • come dimagrire con i rimedi fatti in casa
  • come perdere peso con esercizi da fare in casa
  • come dimagrire con 10 minuti di esercizi prima di andare al lavoro

si rivolgono a uomini e donne che sono interessati a perdere peso in modo semplice approfittando del tempo a disposizione in casa.

Complessivamente, le chiavi di ricerca possono portare interessanti volumi di traffico, specialmente per il fatto che non devono essere contese da tanti competitor come nel caso dei generalisti.

Spesso i SEO tool non riescono ad arrivare alle specifiche dei volumi di ricerca dei mercati molto settoriali. Pensiamo alle query locali servizio + città, dove città non è un centro noto a tutti come Roma, Milano, Napoli ecc. In questo caso molte volte ci viene restituita una stima fin troppa cauta (se non pari a 0) anche se in realtà di persone del posto che cercano in rete risposte alle proprie necessità ce ne sono.

In questo caso possiamo affiancarci a piattaforme online come gruppi Facebook legati alle località, ai siti di domande e risposte che presentano spesso contributi molto circoscritti e che possono aiutarci a individuare le ricerche effettive molto ben definite.

Per aiutarti nell’identificare gli argomenti che interessano la tua nicchia hai a disposizione diversi tool SEO specialistici che ti offrono panoramiche approfondite sulle esigenze del tuo pubblico:

  • AnswerThePublic: un tool che permette di individuare le ricerche che vengono effettuate attorno a un determinato argomento sotto forma di un grafo visivo
  • Seozoom: una suite tutta italiana per mostrare le ricerche di coda lunga su un determinato argomento; questa piattaforma è molto utile per evidenziare le ricerche correlate che permettono di individuare nicchie non ancora sfruttate a dovere
  • Google Trends: questo strumento spesso sottostimato ti permette di analizzare le ricerche che emergono attorno a determinati argomenti e di scoprire argomenti correlati che puoi avere la convenienza ad espandere

 

Queste sono alcune delle considerazioni che puoi svolgere nell’analisi delle nicchie di valore.
E tu che cosa ne pensi?


Velia

Cos'è per me la SEO? Prima di tutto una passione per quella miscela misteriosa che porta un sito ai primi posti nei motori di ricerca. La SEO è una materia dove non si smette mai di studiare.


info@studiareseo.org - Velia De Laurentiis - P.Iva 03065740593